CSt: fisco, scambio automatico con Turchia dal 2021

Secondo Pirmin Bischof (PPD/SO), lo scambio automatico con la Turchia di informazioni fiscali rafforzerà la piazza finanziaria elvetica. KEYSTONE/ALESSANDRO DELLA VALLE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 marzo 2020 - 14:31
(SDA-ATS)

Dal 2021, la Svizzera scambierà informazioni in ambito fiscale anche con la Turchia.

Dopo un primo stop in dicembre, il Consiglio degli Stati ha dato il via libera oggi (29 voti a 1 e dieci astensioni) a un'intesa simile. Secondo la maggioranza, l'accordo rafforzerà la piazza finanziaria elvetica.

La Svizzera ha già attivato lo scambio automatico con 97 paesi e diversi territori. Nel dicembre scorso i "senatori" avevano dato il via libera allo scambio automatico di informazioni con 18 Paesi, ma si erano rifiutati di estenderlo alla Turchia a causa delle operazioni militari di Ankara in Siria.

La Turchia soddisfa tutti i criteri tecnici, ha sottolineato in aula il relatore della commissione Pirmin Bischof (PPD/SO). Non approvando questo accordo, la Svizzera sarebbe l'unico Paese a non dar seguito alla collaborazione in ambito fiscale con la Turchia.

Il consigliere federale Ueli Maurer ha ricordato che rimane sempre possibile sospendere lo scambio di informazioni se la situazione dovesse richiederlo. Tuttavia, a parere del ministro delle finanze, la politica fiscale non è il canale giusto per risolvere i problemi di politica estera.

Il governo ha verificato che le giurisdizioni con cui intende scambiare dati di natura fiscale soddisfino tutta una serie di criteri. L'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico è inoltre responsabile della sorveglianza del rispetto degli accordi. Si tratta, in particolare, di verificare il rispetto della riservatezza dei dati o se lo scambio non comporti gravi violazioni dei diritti umani.

Nel settembre 2019, il Consiglio nazionale aveva accettato di aprire lo scambio automatico di dati bancari con altri 19 Stati, tra cui la Turchia, già nel 2021.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo