Una delegazione dell'opposizione venezuelana è stata ricevuta oggi in Segreteria di Stato. È stata ribadita la vicinanza del Santo Padre e della Santa Sede al popolo venezuelano, principalmente a quelli che soffrono.

Inoltre, è stata sottolineata la profonda preoccupazione perché si trovi con urgenza una soluzione giusta e pacifica per poter superare la crisi, nel rispetto dei diritti umani e cercando il bene di tutti gli abitanti del Paese, evitando uno spargimento di sangue. Lo riferisce il direttore della Sala stampa vaticana, Alessandro Gisotti.

In Vaticano era attesa la delegazione del leader dell'opposizione venezuelana a Nicolas Maduro, membro dell'Assemblea Nazionale, Juan Guaidò, proclamato dal Parlamento unicamerale Presidente ad interim e riconosciuto da decine di governi inclusi quasi tutti quelli del continente americano. I delegati del presidente ad interim sono latori di lettere speciali indirizzate al governo dell'Italia, dove oggi vengono ricevuti dal ministro Matteo Salvini, e anche alla Santa Sede, forse dal Pontefice.

I delegati ricevuti dalla Segreteria di Stato vaticana sono il presidente della Commissione per gli Affari esteri dell'Assemblea Nazionale, Francisco Sucre, e Rodrigo Diamanti, rappresentante europeo per gli aiuti umanitari. La missione di questi due politici è stata così presentata: "Spiegare agli interlocutori il piano di transizione per il recupero della democrazia in Venezuela tramite elezioni libere e trasparenti".

Parole chiave

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box