Spesso criticato, lo stipendio del presidente della direzione di Swisscom Urs Schaeppi è rimasto da capogiro anche nel 2018, pur essendo lievemente calato rispetto all'anno prima.

Il compenso totale andato al manager è stato di 1,83 milioni di franchi, emerge dal rapporto d'esercizio pubblicato oggi dall'azienda. In confronto al 2017 vi è stato un arretramento del 2,1% dovuto alla contrazione della componente variabile.

Quanto guadagnato da Schaeppi alla testa di un'azienda ancora in parte federale - nonostante sia giuridicamente indipendente e quotata in borsa l'ex regia è controllata per il 51% dalla Confederazione - è quattro volte quello che intasca un consigliere federale. A titolo di confronto, per raggiungere la stessa cifra un normale cliente svizzero di Swisscom (ultimi dati su stipendio mediano: 2016) deve lavorare per 23 anni: un ticinese è costretto da parte sua a sgobbare 30 anni.

Cittadino elvetico 59enne con laurea al Politecnico di Zurigo e all'Università di San Gallo, Schaeppi non è l'unico a beneficiare di retribuzioni di tutto rispetto: l'intera direzione, che alla fine dell'anno era composta da sette persone, si è accaparrata 8,0 milioni. Da parte sua il consiglio di amministrazione - dieci membri - ha potuto contare su 2,3 milioni di franchi.

Parole chiave

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box