La bocciatura dell'iniziativa popolare contro la dispersione degli insediamenti non è un "no" alla protezione del paesaggio. È quanto ha sottolineato in conferenza stampa a Berna la ministra dell'ambiente, Simonetta Sommaruga, a nome del Consiglio federale.

"Buona parte della popolazione - ha aggiunto - vuole che Confederazione, Cantoni e Comuni prestino più attenzione alla pianificazione e alla protezione della natura, ma respinge gli strumenti proposti dall'iniziativa".

Il testo posto in votazione avrebbe avuto una serie di conseguenze nefaste, ha sostenuto la ministra, ricordando per esempio l'impatto su aree in cui oggi esistono ancora grandi superfici edificabili e il rischio di aumento degli affitti nelle città.

Per Sommaruga sarà importante non dimenticare quanto emerso nei dibattiti delle scorse settimane e ascoltare ciò che chiede parte della popolazione, ossia che la legge sulla pianificazione del territorio, approvata dal popolo nel 2013, venga applicata alla lettera.

Quest'ultima prevede che i Cantoni sottopongano al Consiglio federale un nuovo piano direttore. Senza accordo, entro la fine di aprile verrà congelata la superficie delle zone edificabili su scala cantonale, ha ricordato Sommaruga. "Certo non possiamo correggere tutti gli errori commessi nel passato, ha rilevato, ma sarà importante evitare di commetterli di nuovo".

Parole chiave

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box