L'88% dei consumatori svizzeri (e il 90% dei ticinesi) ignora che imprese come banche, assicurazioni o commercianti del web hanno accesso ai dati relativi alla loro affidabilità di pagamento, se presentano un interesse legittimo.

Solo il 21% pensa che i negozi online possano richiedere i dati sulla solvibilità e più della metà (54%) degli intervistati non è consapevole del fatto che le società di recupero crediti e le agenzie di informazioni economiche siano a conoscenza della loro situazione finanziaria, emerge da un sondaggio pubblicato oggi dal servizio di confronti internet Comparis.

"Un interesse legittimo sussiste ad esempio nel caso in cui un'azienda presenta un ordine online di un cliente, una richiesta di contratto o un modulo di richiesta per affittare un appartamento", spiega Dominik Weber, esperto del settore bancario presso Comparis, citato in un comunicato. Le ditte ricorrono spesso a tali dati: CRIF, partner di Comparis per le informazioni sulla solvibilità, registra da solo oltre 30 milioni di richieste all'anno.

Le persone con un reddito lordo mensile inferiore a 4000 franchi sono le meglio informate: in questa categoria circa un quinto sa che in linea di massima tutte le imprese hanno accesso ai dati sulla solvibilità. Al contrario, chi ha un reddito superiore a 8000 franchi non si intende molto dell'argomento (15%). "Soprattutto le persone con un reddito basso devono affrontare la tematica", osserva Weber.

Parole chiave

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box