La Borsa svizzera è tutt'ora in territorio positivo, pur avendo perso un po' dello slancio iniziale di stamattina. A tenere banco sono sempre le dispute commerciali tra gli Stati Uniti e la Cina, ciò che ha un effetto frenante sugli investitori.

Verso le 11.20, l'indice SMI delle blue Chip avanzava dello 0,20% a 9382,30 punti. L'indice completo SPI cresceva dello 0,28% a 11'362.29 punti.

Tra i titoli da seguire figura Dufry, che saliva dello 0,71%. La multinazionale basilese specializzata nel commercio esentasse (duty-free) ha visto il giro d'affari raggiungere 1,9 miliardi di franchi, in progressione del 3,5% su base annua, mentre il disavanzo netto è passato da -46 milioni a -110 milioni. Le cifre pubblicate oggi, che concernono il trimestre tradizionalmente meno dinamico del settore, sono lievemente superiori alle attese.

Per l'insieme dell'anno l'azienda si dice fiduciosa, forte anche dell'accelerazione notata in aprile in relazione alla crescita organica del fatturato, salita al 2,4%.

A livello di SMI, i bancari UBS e Credit Suisse erano in lieve flessione. Meglio gli assicurativi, tutti sopra la parità. Sostengono i listini gli acquisti sui difensivi: Roche saliva dello 0,35%, Novartis dello 0,38% e Nestlé dello 0,03%. Ricercate LafargeHolcim (+1,15%), alla vigilia dell'assemblea degli azionisti, e Adecco (+1,51%).

Parole chiave

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box