Un miliardo e mezzo di dollari in una settimana: da lunedì a colpi di puntate le case d'asta di New York si affronteranno nella tradizionale sfida di primavera per l'arte moderna e contemporanea.

Da un Jeff Koons stimato 58 milioni di dollari (un record per l'artista) a un Cezanne perduto e ritrovato, le occasioni di stupore non mancheranno se le aspettative della vigilia saranno rispettate, anche se difficilmente verrà ripetuto l'exploit del 2018, quando la collezione Rockefeller da Christie's fece salire a 1,9 milioni di dollari il totale della stagione.

Morte, debiti e divorzi sono la ragione perché il mercato dell'arte di New York è sempreverde. Christie's vende parte della collezione del magnate di Condé Nast, S.I. Newhouse, scomparso nel 2017 e che include opere di impressionisti e maestri del Dopoguerra con una stima della vigilia di oltre 130 milioni di dollari. Tra i pezzi forti, la natura morta di Cézanne valutata 40 milioni di dollari rubata nel 1978 in Massachusetts, recuperata nel 1999 e acquistata da Newhouse da Sotheby's per 29,5 milioni, ma anche una Testa di Amedeo Modigliani valutata 30-40 milioni e il barboncino di Koons in inox: 58 milioni è la stima per questo pezzo del 1986.

Parole chiave

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box