Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Tribunale federale Nessun rimborso ai frontalieri pagati in euro

Primo piano del lucernario sopra il portale del Tribunale federale di Losanna (con scritta Tribunal Federal)

Il portale dell'Atla corte di Losanna in un'immagine d'archivio.

(Keystone)

Non hanno diritto ad alcun rimborso, due frontalieri che si erano rivolti alla giustizia dopo che le aziende per le quali lavoravano avevano versato loro i salari in euro, giustificandosi con la forza del franco. È la decisioneLink esterno presa martedì dal Tribunale federale, che ha accolto un ricorso di tali aziende.

I due lavoratori -impiegati rispettivamente alla Marquardt Verwaltungs-GmbH e alla vonRoll production SA- avevano sostenuto che la paga in valuta straniera era contraria alla libera circolazione delle persone. I tribunali cantonali avevano dato loro ragione.

Le aziende hanno però inoltrato ricorso alla massima istanza giudiziaria elvetica, che per la prima volta ha così trattato la questione dei salari in euro. E ha dato loro ragione.

I rimborsi (inizialmente) ottenuti

Nel 2011, la Marquardt aveva avvertito i propri dipendenti delle difficoltà legate al franco forte e della decisione di pagare, dal gennaio 2012, il 70% dei salari in euro e il resto in valuta svizzera.

Secondo il Tribunale cantonale di Sciaffusa -di fronte al quale un impiegato licenziato nel 2014 ha ottenuto 20'475 franchi di arretrati- si è trattato di una discriminazione indiretta dei lavoratori europei, rispetto ai colleghi domiciliati in Svizzera. Il che è contrario all'Accordo sulla libera circolazione delle persone.

vonRoll aveva invece instaurato un sistema dinamico, che prevedeva il pagamento in euro in funzione delle variazioni del tasso di cambio. Un frontaliere francese, nel 2016, aveva ottenuto davanti alla giustizia del Canton Giura 18'881 franchi di rimborso, decisione confermata nel 2017.

Le spiegazioni del TF

Il Tribunale federale ritiene che i due frontalieri non possano richiedere un risarcimento a posteriori, poiché entrambi avevano accettato nel 2011 una modifica contrattuale che riguardava proprio i salari e conoscevano le gravi difficoltà economiche dei datori di lavoro nelle quali si iscrivevano le misure.

(1)

Servizio del TG sulla decisione del Tribunale federale sui risarcimenti chiesti da due lavoratori frontalieri pagati in euro

I frontalieri erano inoltre perfettamente a conoscenza del fatto che un salario versato in franchi e convertito al tasso di cambio effettivo avrebbe garantito un salario in euro più elevato di quello effettivamente percepito.

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 15.01.2019)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box