Si rafforza l'asse tra Washington e Varsavia, apparentemente in chiave antirussa ma con un monito anche alla Germania.

Il presidente degli Usa Donald Trump sta considerando di inviare altri 2000 soldati americani in Polonia, spostandoli dalla Germania, dove ce ne sono 50'000 e dove Berlino "non paga la giusta quota alla Nato", a differenza del vicino "pienamente in regola".

Trump sta inoltre meditando sanzioni contro il Nordstream 2, il nuovo gasdotto russo-tedesco da tempo nel mirino del presidente americano, che è tornato a mettere in guardia la Germania contro la dipendenza energetica da Mosca.

L'annuncio è stato fatto in occasione della seconda visita alla Casa Bianca del presidente polacco, Andrzej Duda, che ha anche fatto shopping, ordinando una trentina di caccia F-35.

Le nuove truppe andrebbero ad aggiungersi alle forze di rotazione americane, circa 5000 militari che si alternano nel quadro delle operazioni Nato. I media Usa parlano di un accordo che comprenderebbe anche l'invio di uno squadrone di droni Reaper per fornire maggiori informazioni di intelligence alla Polonia.

Mosse che potrebbero irritare Mosca, anche se gli analisti ritengono che l'aumento dei soldati americani non accrescerebbe di molto la forza deterrente contro le presunte minacce russe.

Per il Cremlino sarebbe stato sicuramente più preoccupante una base americana permanente, come chiedeva Duda, che nella sua precedente visita nello Studio Ovale alla fine del 2018 aveva proposto di sborsare almeno due miliardi di dollari (grossomodo la medesiam somma in franchi) e di chiamarla Fort Trump. Era un modo per solleticare l'ego del tycoon, come ha fatto successivamente il premier israeliano Benyamin Netanyahu, promettendo una città intitolata a Trump nelle alture del Golan dopo la sua storica decisione di riconoscere la sovranità israeliana. Emulato ultimamente dal premier giapponese Shinzo Abe, che ha ribattezzato Trump Cup il primo trofeo di sumo della nuova era imperiale.

Pare che Fort Trump non sia stato cancellato, ma per ora rimane in stand-by e Varsavia dovrà accontentarsi di un rafforzamento del contingente Usa: un compromesso per assecondare le richieste polacche senza compromettere la volontà di disgelo di Trump con il suo omologo russo Vladimir Putin, con cui il tycoon ha annunciato ufficialmente che si incontrerà nel prossimo G20 in Giappone.

Si tratta in ogni caso di un successo per Duda, sdoganato da Trump nonostante le accuse rivolte al governo conservatore polacco di aver minato la democrazia soggiogando la giustizia e i media, in contrasto anche con lo spirito della Nato: "Non sono per niente preoccupato della situazione dei diritti umani in Polonia", ha assicurato dallo Studio Ovale, promettendo di visitare presto il Paese.

Del resto l'asse con la Polonia si colloca nel quadro della più ampia alleanza coltivata dall'amministrazione Trump con il gruppo di Visegrad, di cui fanno parte anche Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia: un blocco regionale sovranista (mitigato dalla recente elezione della presidente europeista Zuzana Caputova a Bratislava) che il tycoon sembra voler usare per scardinare la vecchia Europa.

Parole chiave

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box