Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Servizio civile nel Benin Un'esperienza appassionante e istruttiva

David Bösch ha lavorato da febbraio a luglio 2012 presso il Centro di formazione professionale Liweitari, nel Benin, Africa occidentale. Il 25enne elettricista del cantone di San Gallo ha svolto lavori di manutenzione e formato apprendisti. Il giovane documenta la sua esperienza attraverso una serie di fotografie.

È per puro caso che David Bösch è sbarcato in Benin. Dopo la scuola reclute e un corso di ripetizione ha concluso che non aveva senso continuare a prestare servizio militare. Ha perciò optato per il servizio civile e, dopo una lunga ricerca, ha trovato un posto adatto nella cittadina di Natitingou: Nel locale centro di formazione CFL Liweitari, , l'elettricista qualificato ha così dato una mano a una piccola Ong svizzera di ispirazione cristiana.

"Il lavoro non era semplice. Era difficile ottenere materiale di buona qualità e adatto. Molte cose non erano disponibili e bisognava improvvisare. Inoltre, spesso non c'era puntualità. E noi non siamo abituati".

Nel CFL, diretto dallo svizzero Heinrich Roth, sono formati meccanici e muratori secondo il sistema duale svizzero, che combina formazione pratica in un'azienda e lezioni teoriche.

Nel periodo in cui prestava servizio David Bösch, c'erano 14 apprendisti.

"Vivevano in alloggi molto modesti. Erano in sei in una stanza e non avevano praticamente alcuna privacy". Bösch alloggiava presso i coniugi Roth, a circa 4 km di distanza dal posto di lavoro.

Tra i suoi compiti c'era la formazione degli elettricisti. Ogni tanto impartiva anche lezioni teoriche. "Era difficile. Certi apprendisti non capivano il sistema decimale. Inoltre la lingua era un ostacolo. Parlano un francese africano che non sempre capivo".

Inizialmente il sangallese ha avuto difficoltà ad abituarsi al clima. Nulla di stupefacente, visto che la differenza di temperatura rispetto alla Svizzera raggiungeva i 50 gradi. "Per tre mesi non sono riuscito una sola volta a dormire per tutta la notte, nonostante il ventilatore. In seguito dormivo all'aperto e andava meglio". Grazie alla stagione delle piogge, alla fine di aprile è diventato un po' più fresco.

Malgrado tutte queste difficoltà, per Bösch è stato un periodo bello ed istruttivo. È stato accettato e apprezzato, era integrato e ha imparato come si possa "vivere con poco ed essere felice ciò nonostante".

Attualmente David Bösch lavora come supervisore di impianti elettrici per una società svizzera a Beira, in Mozambico. "Se non avessi fatto il servizio civile, difficilmente sarei andato a lavorare in Africa". (Foto: David Bösch, Testo: Gaby Ochsenbein, swissinfo.ch)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box