Hypercorsivo I 10 comandamenti della gauche caviar italiana


Di Massimo Donelli


I 10 comandamenti, quelli bliblici, scolpiti nella pietra

I 10 comandamenti, quelli bliblici, scolpiti nella pietra

(keystone)

1. Migranti. L'accoglienza è l'imperativo categorico. Non credere a chi ti dice che con i barconi arrivano anche delinquenti e terroristiexternal link. Indignati contro i sindaci che non vogliono prendersi una quota di disperati nei loro comuni. A meno che – storia di questi giorni - non si tratti di quel sindaco Pdexternal link che giudica i migranti "una catastrofe lesiva dell'appeal di Capalbio"external link (Capalbio èil comune tosco-chic dove la gauche caviarexternal link villeggia beataexternal link e l'unico nero benvenuto sarebbe Barack Obama).external link

2. Sobrietà. Una bandiera, non ammainabile. Prenditela con gli sprechi delle regioni, ok? E chiudi un occhio, anzi due sull'Air Bus extralussoexternal link che scorrazza per il mondo Matteo Renzi e i suoi cariexternal link Mostrati offeso, poi, se qualcuno osa paragonarlo a Bettino Craxi e i suoi cariexternal link.

3. Rifiuti. Raccolta differenziata, ecoballe, nuove discariche, inceneritori non inquinanti… Indispensabili. Peccato che i sindaci di Roma non se ne siano occupati a dovere. Però tu ora mostrati scandalizzato perché Virginia Raggiexternal link in poche settimane non ha risolto tutti i problemi trascurati dai predecessori per decenni.

4. Satira. Un bene inalienabile. Da difendere sempre e comunque, da limitare mai. Mai. "Je suis Charlieexternal link" docetexternal link, giusto? Però, sia chiaro: niente vignette sulle cosce di Maria Elena Boschi.external link

5. Rom. Battiti per far allestire campi, perfettamente attrezzati, destinati al popolo sinti (guai chiamarli zingari!). Opponiti agli sgomberi, inorridisci quando Matteo Salvini evoca la ruspaexternal link. Ma che non si azzardino a mandarteli sotto casa…

6. Corpo femminile. Condanna l'uso che ne fanno gli uomini, mostra disgusto per l'uso che ne hanno fatto le berlusconiane olgettineexternal link e le mogli di Donald Trumpexternal link. Sorvola su come lo hanno sfruttato Carla Bruniexternal link e Marta Marzottoexternal link.

7. Populismo. Dimentica il popolo dei faxexternal link, il popolo violaexternal link, il popolo arcobalenoexternal link… Quel populismo lì serviva per abbattere il caimanoexternal link, quindi… Ma ora basta! Pertanto, denuncia ogni giorno il pericoloso populismo dei grillini, ok?

8. Parole. Puoi dire nano a Renato Brunettaexternal link e ridere quando Fiorelloexternal link dà della mangiona all'ex ministra Annamaria Cancellieriexternal link. Ma guai a te se, parlando delle arciere azzurre, le chiami cicciottelleexternal link. Ricorda che le parole sono pietreexternal link. Ovvero, dimenticatelo ad hocexternal link

9. Trasformismo.Depreca i cambi di casacca parlamentariexternal link. Mostrati ancora schifato per il caso dell'onorevole Domenico Scilipotiexternal link. E quando si parla di Angelino Alfanoexternal link e Denis Verdiniexternal link, mettila così: sono stati eletti nel centrodestra e, sì, li odiavamo, vero; ma ora sostengono il centrosinistra per senso di responsabilità, perciò…

10. Scuola. Dev'essere pubblica, di tutti e per tutti. Una bandiera dell'italianità. Esalta la riforma chiamata Buona scuolaexternal link. E mi raccomando: glissa sul fatto che il presidente del Consiglio manda la figlia più piccola in un istituto privato americano.external link

Ecco, in fondo è semplice essere chic e di sinistra in Italia, no?

Segui @massimodonelliexternal link

×