Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Animali a rischio estinzione Protezione specie minacciate, la Svizzera non vuole allentamenti

La Confederazione si opporrà a diverse proposte di allentamento della protezione di animali, in occasione della conferenza degli Stati contraenti della Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione (CITES), in programma da sabato al 28 agosto a Ginevra.

rinoceronte con un guardiano che lo accarezza

Grazie alle misure di protezione prese in passato, il rinoceronte bianco meridionale è relativamente diffuso nel sud dell'Africa. Il suo 'fratello' settentrionale, che viveva nella regione tra il Kenya e la Repubblica democratica del Congo, è invece praticamente scomparso. Nella foto uno degli ultimi esemplari in un parco a nord di Nairobi.

(Keystone / Dai Kurokawa)

Complessivamente sono state presentate 57 richieste di modifica della CITESLink esterno. L'eSwatini (ex Swaziland) avanza ad esempio l'idea di permettere lo sfruttamento commerciale dei suoi rinoceronti bianchi. La Namibia propone dal canto suo di facilitare la vendita di animali vivi e di trofei di caccia della succitata specie.

Gli Stati dell'Africa del Sud vorrebbero poi discutere la possibilità di un commercio controllato dell'avorio degli elefanti in regioni dove la popolazione del pachiderma è stabile o in aumento, mentre i Paesi africani in cui la stessa è in diminuzione chiedono un divieto generale.

L'Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV), che parteciperà alla conferenza, si opporrà a tutte queste proposte.

(1)

animali a rischio e commercio internazionale

Presentando martedìLink esterno alla stampa il proprio mandato, la delegazione svizzera afferma che intende invece appoggiare la richiesta di proteggere meglio le giraffe solo nel caso venga proposta una soluzione differenziata. Questo poiché gli effettivi diminuiscono considerevolmente a causa della perdita del loro habitat e della crescita demografica, mentre il commercio internazionale contribuisce solo in minima parte al calo.

La Svizzera stessa ha formulato una proposta che riguarda il commercio di pesci ornamentali e l'impatto sui loro effettivi. Alcune analisi mostrano che il numero di pesci e delle loro specie è elevato, tuttavia gli effetti sulla sostenibilità sono praticamente sconosciuti. La Confederazione invita a trovare risposte a tale quesito.

Per quanto riguarda la flora, la delegazione elvetica sosterrà chi mira a ridurre il disboscamento di specie nelle foreste tropicali.

La 18esima conferenza avrebbe dovuto tenersi nello Sri Lanka. Dopo gli attacchi alle chiese a Pasqua, gli organizzatori hanno deciso di spostare l'incontro a Ginevra per motivi di sicurezza. I 183 Stati contraenti si riuniscono ogni tre anni decidendo in merito alle modifiche degli elenchi delle specie da proteggere e definendo il programma per i tre anni a venire. Oltre 35'000 specie sono protette dalla CITES, sottoscritta nel 1973 a Washington. La Svizzera è parte contraente, Stato depositario e sede del segretariato.

tvsvizzera.it/mar/ats con RSI (TG del 13.8.2019)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box