Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Turchia, "se poi ti sposo non è stupro"

Proteste per la proposta di legge dell'AKP di Erdogan che vuole depenalizzare, a certe condizioni, gli abusi su minori

Sta creando sconcerto in parte dell'opinione pubblica in Turchia la proposta di legge promossa dall'AKP del presidente Erdogan che intende depenalizzare, a certe condizioni, la violenza sessuale sulle minorenni.

Il testo, presentato ieri in Parlamento, sarà discusso martedì prossimo ma sui social si stanno moltiplicando le proteste contro il governo: se infatti vi è il consenso della vittima e lo "stupratore" acconsente al successivo matrimonio non vi è reato. Ma c'è di più.

Se la legge supererà lo scoglio parlamentare, dove comunque il partito di ispirazione islamica del presidente gode comunque di una salda maggioranza, i processi e le condanne per abusi su minori commessi fino al 16 novembre verrebbero sospesi. E questo preoccupa molte Ong che temono un'ulteriore recrudescenza del diffuso fenomeno delle "spose bambine" nel paese.

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×