Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Terzo convoglio di soccorso Abruzzo, nuovi mezzi e volontari dal Ticino

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I volontari partiti la settimana scorsa dal Ticino per l’Abruzzo hanno chiesto più mezzi per proseguire con le operazioni di soccorso. Lunedì è quindi partito un terzo convoglio che comprende tra l'altro due frese del Cantone e dodici nuovi volontari, per dare man forte ai ticinesi già presenti nelle zone colpite dal terremoto e dalle valanghe.

Le due frese cingolate, normalmente impiegate verso aprile per liberare i passi alpini della Novena e del San Gottardo (Tremola), sono dirette in Abruzzo insieme a due generatori, una cisterna e una terza fresa messa a disposizione da un privato.

I volontari in viaggio verso le zone terremotate sono 12: l’appello lanciato domenica sera era per 4 macchinisti volontari, ma col passaparola su Facebook se ne sono presentati il triplo.

Tra di essi, c’è chi ha già esperienze e non teme particolari difficoltà, come Alberto Buletti, abituato a operare sul San Gottardo con 10 metri di neve: “Quattro metri non dovrebbero essere un problema, l’importante è che non ci siano valanghe”.

Le valanghe sono un rischio da non sottovalutare per i volontari, che si aggiungono a quelli già attivi a Castelli e Pietracamela.

Le frese serviranno a rendere agibile la strada verso Prati di Tivo, dove sono rimaste isolate diverse persone.

(2)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

subscription form

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

tvsvizzera.it/ri con RSI (Quotidiano e TG del 23.01.2017)

×