Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Oggi il voto "vero" No al processo a Salvini ma il M5s si divide

No al processo di Matteo Salvini sulla vicenda Diciotti. Il Movimento 5 Stelle emette online il suo responso. Non senza travaglio: il voto sull'immunità al vicepremier leghista spacca gli alleati.

Salvini a destra e Di Maio si stringono la mano in parlamento in una voto del 13 febbraio 2019

In una voto di alcuni giorni fa, Salvini e Di Maio si stringono la mano.

(Keystone)

La piattaforma Rousseau, che in genere consegna risultati plebiscitari, questa volta vede i 52.417 votanti schierarsi per il 59,05% a favore del no al processo, il 40,95% per il sì. "Far votare i cittadini è parte del dna M5s, sono orgoglioso", rivendica il vicepremier Luigi Di Maio. Ma chi voleva vedere Salvini a processo lo fa proprio in nome di un dna che vedeva il M5s contro ogni tipo di immunità.

Il D-Day del voto degli iscritti al M5S sul caso Diciotti è il giorno dello snodo cruciale del governo giallo-verde. Sulla piattaforma Rousseau, di fatto, i militanti del Movimento in dieci ore e trenta sono chiamati a votare non solo sull'autorizzazione a procedere nei confronti del ministro Salvini ma sulla stessa opportunità dell'alleanza tra M5S e Lega. La tensione, nel Movimento, è altissima.

Mentre la Lega, al di là delle rassicurazioni di Salvini sulla tenuta del governo, aumenta il suo pressing. Quello del M5S è "un voto anche sull'operato dei loro al governo", sentenzia il sottosegretario Giancarlo Giorgetti. Ma le sue parole, più o meno apertamente, sono condivise anche dalla gran parte dei Cinque Stelle. Non a caso Di Maio, dopo aver visitato con il premier Giuseppe Conte gli stabilimenti Leonardo a Pomigliano D'Arco, salta l'appuntamento alla Federico II di Napoli e rientra in anticipo a Roma. 

Al capo politico, in mattinata, arriva la "piena fiducia" di Beppe Grillo ma la giornata, per il M5S, non inizia benissimo visto che il via libera alla consultazione online - con il quesito lievemente cambiato con l'aggiunta di un inciso sul fatto che l'azione di Salvini fosse, o meno, a tutela dell'interesse dello Stato - è segnato dal crashdown della piattaforma. 

L'inizio delle votazioni slitta cosi' dalle 10 alle 11 e il termine viene prorogato dalle 20 alle 21:30 per "l'alta affluenza". E la base, in parte, si ribella contro i rallentamenti di Rousseau, "coadiuvata" anche dalla fronda di dissidenti. "Da marzo Rousseau ha ottenuto circa 1 milione di euro dai parlamentari per implementare il sistema. Dovrebbe funzionare come un orologio svizzero", sottolinea Elena Fattori attaccando la "trasparenza" dell'associazione presieduta da Davide Casaleggio: "dei miei versamenti non ho ricevuto neanche una ricevuta". Di Maio e Salvini, il primo in Campania e il secondo il Sardegna, cercano di spargere tranquillità. 

tvsvizzera.it/fra con ATS

Parole chiave

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box