Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Il dopo Renzi È nato il governo Gentiloni

Molte le conferme e qualche nome nuovo. Angelino Alfano agli esteri e Maria Elena Boschi sottosegratario alla presidenza

Il presidente del Consiglio italiano incaricato Paolo Gentiloni ha sciolto la riserva e si sottoporrà a giuramento alle ore 20. Il nuovo premier ha consegnato al Colle la lista dei ministri che formeranno la sua squadra.

Esprimendosi al Quirinale, Gentiloni ha affermato che "domani e dopodomani" il governo chiederà la fiducia alle Camere. Ha inoltre aggiunto che "il Paese si è rimesso in moto negli ultimi anni, ma non possiamo ignorare il disagio specie nel ceto medio e nel Mezzogiorno dove manca il lavoro. Sarà questa una priorità del governo, che come si vede dalla sua struttura, proseguirà l'azione d'innovazione svolta dal governo Renzi".

"Nel contempo ci adopereremo per facilitare il lavoro delle diverse forze parlamentari volto a individuare nuove regole per la legge elettorale", ha dichiarato Gentiloni.

Dodici le conferme rispetto al governo Renzi. La principale novità è il passaggio di Angelino Alfano dal Viminale alla Farnesina, mentre il nuovo ministro dell'Interno è Marco Minniti. Solo tre i volti del tutto nuovi rispetto alla compagine di Renzi. Oltre a Minniti, diventa ministro Anna Finocchiaro, già presidente dei senatori del Pd, ai Rapporti con il Parlamento, per seguire il confronto difficile sulla riforma elettorale; mentre a Valeria Fedeli, vicepresidente del Senato del Pd, va la responsabilità dell'Istruzione al posto di Stefania Giannini che lascia il governo.

Ecco la lista dei ministri

Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, sottosegretario alla presidenza: Maria Elena Boschi.

Ministri senza portafoglio

Anna Finocchiaro: Rapporti con il Parlamento, Marianna Madia: Pubblica Amministrazione, Enrico Costa: Affari Regionali, Claudio De Vincenti: Coesione Territoriale e Mezzogiorno, Luca Lotti: Sport con deleghe su editoria e Cipe.

Ministri con portafoglio

Angelino Alfano: Esteri, Marco Minniti: Interno, Andrea Orlando: Giustizia, Roberta Pinotti: Difesa, Pier Carlo Padoan: Economia, Carlo Calenda: Sviluppo Economico, Maurizio Martina: Agricoltura, Gianluca Galletti: Ambiente, Graziano Delrio: Infrastrutture, Beatrice Lorenzin: Salute, Dario Franceschini: Cultura, Valeria Fedeli: Istruzione, Giuliano Poletti: Lavoro.

×