Multa al padre che ha negato nuoto e campeggio alla figlia


L'uomo, ligio ai dettami dell'islam, non ha permesso alla ragazza di frequentare le lezioni di nuoto e le gite scolastiche

Una vicenda di mancata integrazione che aveva fatto molto discutere: Emir Tahirovic, cittadino bosniaco di St. Margrethen che si è rifiuto, per motivi religiosi, di mandare la figlia ai corsi di nuoto e in campeggio, è stato condannato a 100 aliquote giornaliere da 30 franchi e a una multa di mille franchi.

×