Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Mercato svizzero dell’automobile Veicoli sempre più grandi e potenti

Volvo xC40

Al Salone di Ginevra, la stampa specializzata ha designato la Volvo XC40 l'automobile dell'anno 2018. Senza sorpresa, si tratta di un SUV.

(Volvo)

Idealmente, l’automobile di oggi dovrebbe essere piccola e poco inquinante. In realtà, la situazione è alquanto diversa, in particolare in Svizzera, dove i veicoli sono sempre più grandi e potenti. Grazie ai progressi tecnologici, l’impatto ambientale è comunque contenuto.

La tendenza, già osservata negli scorsi anni, si conferma anche nel 2018, sia al Salone dell’auto di GinevraLink esterno sia sulle strade: i veicoli di grosse dimensioni sono sempre più presenti.

Sono così apparsi dei pick-up, veicoli utilitari molto diffusi negli Stati Uniti e che in Europa costituivano finora una rarità. Tra i grandi veicoli, la vera stella è il SUV (Veicolo Utilitario Sportivo). In Svizzera è diventato un vero e proprio fenomeno sociale.

Particolarità del parco elvetico

Oltre ad essere più grandi e più rialzati, i veicoli che circolano in Svizzera sono anche più potenti, come mostrano i dati dell’Ufficio federale di statistica e dell’Ufficio federale delle strade.

(2)

evoluzione della potenza dei motori dei veicoli venduti in svizzera

Tenendo conto della dimensione e della potenza, il parco automobilistico svizzero è abbastanza singolare in Europa. I SUV rappresentano oramai quasi la metà del parco, mentre la quota è di circa un terzo nella media europea. Le auto che circolano nella Confederazione hanno una potenza del 25% superiore alla media europea. «La Svizzera è ghiotta di cavalli», ha detto alla Radiotelevisione svizzera di lingua francese (RTS) François Launaz, presidente di auto-suisseLink esterno, l’associazione ombrello degli importatori.

Meno inquinamento

Quest’evoluzione verso veicoli più grandi e potenti non ha comunque forzatamente effetti catastrofici sull’ambiente. In seguito a regolamentazioni sempre più severe, i nuovi veicoli inquinano infatti di meno.

In dodici anni, le automobili che emettevano più di 200 grammi di CO2 al chilometro sono praticamente sparite dal mercato dei veicoli nuovi. Nel 2017 rappresentavano soltanto il 3% dei veicoli messi in circolazione, contro il 35% nel 2005. Nel 2010, le automobili che emettevano tra 100 e 150 grammi di CO2 costituivano esattamente la stessa quota di mercato di quelle che emettevano tra 150 e 200 grammi. Attualmente, la gamma più inquinante rappresenta meno di un quarto del mercato, contro il 62% di quella meno inquinante.

Quasi inesistenti fino al 2010, i motori più ecologici (meno di 100g di CO2) hanno superato il 10% delle quote di mercato nel 2015, ma da allora le vendite stagnano.

Elettrico ancora marginale

Per limitare drasticamente le emissioni di CO2 o di polveri fini ci vorrebbero molti più veicoli non inquinanti. Uno scenario però ancora lontano. L’anno scorso, la quota di veicoli elettrici ha segnato un record. Un record tuttavia ancora modesto, con solamente il 4% dei veicoli di nuova immatricolazione.

Il 2017 ha anch’esso segnato un’inversione di tendenza nei carburanti fossili. La benzina ha registrato un lieve incremento, con il 56% dei veicoli immatricolati contro il 54% del 2016. Il diesel è invece in perdita di velocità, dopo anni di progressione. La sua quota di mercato è stata del 35% nel 2017, contro il 38% dell’anno precedente.

Mercato delle automobili Il futuro del diesel è sempre più incerto

Continuano le cattive notizie per il diesel. Il carburante, benché meno dannoso per il clima della benzina, è messo sotto pressione dai poteri ...

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 luglio 2017 14.00


Traduzione dal francese di Luigi Jorio

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box