I prezzi dei medicinali rimangono sensibilmente più cari in Svizzera che all'estero.

I consumatori elvetici sono chiamati a pagare il 7% in più per farmaci protetti da brevetto, il 14% in più per i preparati originali con brevetto scaduto e il 48% per i medicinali generici.

È quanto emerge da un confronto - il decimo della serie - realizzato in febbraio e in aprile con nove paesi europei (nessuno del sud Europa) dall'organizzazione degli assicuratori malattia Santésuisse e da Interpharma, l'associazione delle imprese farmaceutiche. I dati - si legge in un comunicato congiunto - si basano su un cambio dell'euro di 1,11 applicato dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

Rispetto alla corrispondente analisi del 2018 - effettuata con un cambio di 1,09 - gli scarti sono però diminuiti: il sovrapprezzo che gli svizzeri erano allora chiamati a pagare era stato quantificato rispettivamente al 9%, 17% e 52%.

Parole chiave

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box