Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Lotta contro l'Isis Cittadinanza revocata, figlie in pericolo in Siria

La Svizzera vuole revocare il passaporto rossocrociato a una 30enne in seguito ai suoi legami con l'ISIS. La donna possiede anche la nazionalità francese. Nel 2016 è partita con le due figlie maggiori - all'insaputa dei rispettivi padri - in direzione della Siria, nei territori controllati dallo Stato islamico. 

Donne e bambini legate ai combattenti dello stato islamico in un campo in Siria.

Donne e bambini legati ai combattenti dello Stato Islamico nel campo di al-Hol in Siria.

(Copyright 2019 The Associated Press. All Rights Reserved.)

È un caso molto delicato, quello della seconda revoca della cittadinanza svizzera in pochi mesi. La 30enne nata e cresciuta a Ginevra, col doppio passaporto svizzero e francese, era partita per la Siria nel 2016 portando con sé le due figlie (ora di 7 e 13 anni), contro la volontà dei rispettivi padri. Giudicando che il suo comportamento pregiudichi interessi e reputazione della Svizzera, la Segreteria di stato della migrazione (Sem) ha deciso di revocare la nazionalità elvetica.

La Segreteria di stato della migrazione può revocare la nazionalità elvetica a una persona che possiede anche quella di un altro Stato qualora la sua condotta sia di grave pregiudizio agli interessi, e quindi alla sicurezza, della Svizzera. Gravi crimini commessi nel quadro di attività terroristiche o di estremismo violento rientrano in questo campo di applicazione.

Fine della finestrella

L'avvocato Carlo Sommaruga, consigliere agli Stati socialista, è in contatto con in padri. “Mi hanno chiesto di far pressione perché le bambine possano tornare al più presto”, ci spiega. "Le condizioni nei campi curdi sulle montagne siriane sono molto difficili, hanno paura per la vita delle loro figlie". Secondo testimonianze una di loro è in sedia a rotelle per una gamba colpita da un'esplosione.

L'avvocato Sommaruga ritiene che la revoca della cittadinanza della madre possa compromettere il rimpatrio delle minorenni. “Il Consiglio federale si illude che, se le figlie hanno un’altra nazionalità della madre, riuscirà più facilmente ottenere il via libera dalle autorità curde per riportarle in Svizzera, ovviamente senza la donna. Ma io non ci credo, perché i curdi tentano sempre di mantenere il legame tra i bimbi e le madri, che tra l’altro è un obbligo della Convenzione internazionale sull’infanzia”.

Ad ogni modo, un portavoce della Sem ha detto che il rimpatrio delle minorenni, per le quali i padri avevano sporto una denuncia per rapimento, resta prioritario. Prima che la revoca della cittadinanza alla madre sia definitiva devono scadere i termini di ricorso.

Ecco altri dettagli nel servizio del TG:

isis

La Svizzera vuole togliere la cittadinanza a una donna con la nazionalità anche francese che ha legami con l'Isis

A settembre il passaporto era stato ritirato a un cittadino svizzero-turco condannato per propaganda a favore di gruppi estremisti islamici. Secondo un portavoce della Segreteria di Stato della migrazione gli altri procedimenti in corso sono meno di cinque, una ventina i casi in fase di valutazione.

tvsvizzera.it/fra con RSI

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box