Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

La polizia federale si muove Mafia sottovalutata in Svizzera

Espulsioni, divieti d'entrata, corsi antiriciclaggio per le banche e un regolare scambio di informazioni fra Confederazione e Cantoni. La polizia federale ha definito e sviluppato i contenuti del piano nazionale antimafia, annunciato poco meno di un anno fa. 

mafia1

Sottovalutata la presenza del crimine organizzato in Svizzera

Alcune tra le misure previste sono state attuate, lavorando soprattutto sul fronte della prevenzione: "Tutto il fenomeno mafia è stato sottovalutato in Svizzera. I provvedimenti già adottati riguardano non tanto la repressione, quanto la prevenzione e la cooperazione”, così il capo dell'Ufficio federale di polizia (fedpol) Nicoletta della Valle.

“Oltre ad aver applicato misure di polizia amministrativa, come espulsioni e divieti di entrata, abbiamo lavorato anche sulla formazione dei funzionari dell’amministrazione federale e cantonale” per meglio riconoscere i casi di riciclaggio, aggiunge la direttrice di fedpol. 

Cifre alla mano, emerge che solo nell'ultimo anno sono stati emanati 13 divieti di entrata per persone condannate all'estero per mafia e il Ticino figura tra le realtà maggiormente attente alla problematica.

Nicola Gratteri "Per le mafie è conveniente delinquere in Svizzera"

Il magistrato e saggista italiano Nicola Gratteri parla della presenza e delle attività della 'ndrangheta in Svizzera e in Europa.

Questo contenuto è stato pubblicato il 7 agosto 2019 13.00



tvsvizzera.it/fra con RSI

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box