Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Inquinamento fonico


In Ticino un catasto del rumore stradale


Il Dipartimento del Territorio del Canton Ticino ha messo online martedì il Catasto del rumore stradale, uno strumento che censisce per ogni località le aree in cui l’inquinamento fonico è più forte, per poter intervenire puntualmente e migliorare la qualità di vita. La “fotografia acustica” del territorio è elaborata a partire da migliaia di dati, provenienti da misurazioni e simulazioni.

In Svizzera, i danni alla salute causati dal rumore costano ogni anno un miliardo di franchi (930 milioni di euro). Il deprezzamento degli immobili ammonta a oltre mezzo miliardo.

La prima fonte di rumore in Ticino è il traffico stradale, e da qui parte la controffensiva del Cantone: “Si considera che poco più del 30 percento della popolazione”, spiega il direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali, “è toccata dal rumore di transito delle strade in una misura superiore a quella consentita dall’Ordinanza federale contro l’inquinamento fonico”.

Si tratta, tratta, in totale, di quasi 350 chilometri di strade cantonali, ai quali si aggiungono circa 70 chilometri di strade comunali che necessitano di un risanamento. Il primo intervento è la posa di asfalto fonoassorbente, cui si possono aggiungere moderazione del traffico, riduzione della velocità, ed eventualmente la posa di ripari fonici.

Un estratto dal Catasto del rumore: assi stradali del comune di Mendrisio.

Un estratto dal Catasto del rumore: assi stradali del comune di Mendrisio.

(www.ti.ch/rumore)

La regione più colpita è quella del Mendrisiotto, con 13 comuni coinvolti su un totale di 77 in Ticino che necessitano di uno o più interventi (108 quelli identificati finora).

Proprio al Mendrisiotto è stato rivolto il primo incontro informativo di martedì. Gli amministratori locali dovranno verificare i dati entro fine febbraio e poi coordinare i cantieri.

“Il rumore ha degli influssi sulla salute e sulla psiche”, osserva Rolando Bardelli, municipale di Balerna e medico. “Impedisce alle persone di riposare bene e stare in tranquillità, e sono stati dimostrati degli effetti anche a livello cardiovascolare”.

Il catasto del rumore stradale, impiegato per identificare le necessità di risanamento, servirà in seguito per valutare l’efficacia degli interventi.

È consultabile online all’indirizzo www.ti.ch/rumore.

tvsvizzera.it/ri con RSI (Quotidiano del 10.01.2017)

×