Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

incontro con Padre Youssef Siria, "Il silenzio internazionale è pesante e immorale"

Incontro della Radiotelevisione svizzera con Padre Jihad Youssef, monaco della comunità cattolica di Mar Musa fondata in Siria dal gesuita italiano Paolo dall'Oglio, rapito nel 2013 dallo Stato Islamico.

padre youssef

Padre Youssef si trova attualmente a Milano.

(RSI-SWI)

"La cosa più difficile in queste situazioni è conservare la fede". Padre Jihad Youssef, che la Radiotelevisione svizzera ha incontrato a Milano. Descrive in questo modo gli otto anni la guerra che ha devastato per otto anni la Siria Padre Jihad Youssef.

È un monaco della comunità cattolica di Mar Musa, fondata a nord di Damasco dal gesuita italiano Paolo dall'Oglio, rapito dall'Isis sei anni fa e di cui da allora non si ha più notizia. 

"Padre Paolo è ancora vivo, per lo meno in noi", dice Youssef, augurandosi che un giorno, nonostante l'assenza di notizie, dall'Oglio venga ritrovato ancora in vita. "In ogni caso, quando un monaco esce di caso offre la vita al Signore, non importa quando la prende fisicamente."

L'intervista completa è disponibile qui sotto: 

(1)

Servizio TG

tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 01.11.2019)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box