Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

il TG nella zona rossa Camerino, sei mesi dopo il sisma

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il 26 e il 30 ottobre dell’anno scorso Camerino è stata colpita da due forti scosse che hanno causato numerosi crolli e distruzioni, soprattutto in centro.

Ma già due mesi prima il terremoto del 24 agosto che ha devastato Amatrice aveva provocato estesi danni agli edifici. Ma a Camerino, come del resto lungo la dorsale appenninica dell’Italia Centrale, i sismi non costituiscono certo una novità, come evidenzia la precedente serie di fenomeni tellurici (fino al settembre del 1997) che hanno fatto tremare la città.

Non ci fu nessuna vittima sei mesi fa ma furono notevoli i danni al patrimonio storico e culturale, a partire dalla pinacoteca comunale, alle chiese e agli edifici medievali.

Ora la città, che era anche un vitale centro universitario, è deserta e seimila persone hanno trovato riparo in abitazioni sicure. Le telecamere del TG sono tornate sul posto e sono entrate nella zona rossa dove volontari e professionisti stanno recuperando le opere d’arte danneggiate o finite sotto le macerie. 

tvsvizzera/spal con RSI (TG del 17.5.2017)

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×