Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Governo elvetico Alain Berset eletto presidente della Confederazione svizzera

Berset e Maurer dopo l'elezione

Berset (secondo da destra) è fra i più giovani presidenti che la Svizzera abbia mai avuto.

(Keystone/Peter Klaunzer)

Il ministro dell'interno del governo svizzero Alain Berset è stato eletto mercoledì presidente della Confederazione per il 2018 con 190 voti su 210 schede valide. Il suo vice sarà l'attuale responsabile del dipartimento delle finanze, Ueli Maurer.

Il risultato del friburghese è eccellente. Dal 1990, solo Pascal Couchepin e Johann Schneider-Ammann hanno superato quota 190 schede. Lo scorso anno Doris Leuthard aveva ottenuto 188 voti. 

Il presidente della Confederazione, Primus inter pares

La carica di presidente della Confederazione è ricoperta a turno dai membri del governo, tenendo conto dell'anzianità di servizio.

Il mandato presidenziale, della durata di un anno, non comporta competenze e poteri particolari rispetto agli altri ministri. 

Il presidente della Confederazione dirige le sedute del governo e svolge più che altro funzioni rappresentative nell'ambito di ricevimenti, conferenze e manifestazioni.

Fine della finestrella

Il futuro presidente, esprimendosi nelle quattro lingue nazionali davanti all'Assemblea federale, si è detto fiducioso per l'avvenire.

"Siamo oggi nel cuore di fenomeni globali quali la mondializzazione e la rivoluzione digitale". Ma "saremo più forti se sapremo anticipare queste evoluzioni anziché volerle frenare", ha detto il friburghese. Secondo Berset, la capacità a condurre riforme, ad evolvere e a restare in movimento sono le chiavi del successo elvetico.

 A 25 anni esatti dal rifiuto da parte del popolo svizzero all'adesione allo spazio economico europeo, Berset ha voluto ricordare come il pragmatismo della politica svizzera nei confronti dell'UE abbia permesso di trovare la stabilità. "È di questo equilibrio che abbiamo ancora oggi bisogno nella nostra relazione all'Europa, di cui condividiamo la cultura", ha aggiunto.

Primo membro del governo a twittare e scattare dei selfie, a 45 anni il socialista è uno dei più giovani presidenti che il paese abbia mai avuto.

Una carriera folgorante

Alain Berset è entrato nel governo elvetico nel 2011, a soli 39 anni, dopo una carriera politica caratterizzata da un'ascesa eccezionale. 

Nel 2000 è diventato membro dell'Assemblea costituente del cantone Friburgo e 3 anni dopo è stato eletto al Consiglio degli Stati (la Camera alta del parlamento svizzero) di cui è diventato presidente nel 2008. 

A Berna si è fatto rapidamente un nome nell'ambito della politica economica e finanziaria.

Al momento della sua elezione all'esecutivo nazionale, la stampa svizzero-francese lo descriveva come un "signor perfetto", un analista pragmatico, un costruttore di ponti e un astuto diplomatico. Per taluni quasi troppo raffinato e adeguato.

Responsabile del dipartimento federale degli interni, il socialista ha recentemente incassato la sua sconfitta più pesante in seno al governo, la bocciatura da parte del popolo della riforma della previdenza per la vecchiaia.

(1)

Servizio TG

swissinfo.ch e agenzie/lj/Zz

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×