Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Giustizia e agrochimica Monsanto (e il glifosato) a processo negli Stati Uniti

Ha preso il via lunedì negli Stati Uniti un processo nei confronti Monsanto. Al centro della procedura un erbicida contenente glifosato che, secondo l'accusa, avrebbe fatto ammalare di tumore un giardiniere. 

Aereo rilasciante pesticidi in volo sopra un campo

Il roundup è uno dei pesticidi più utilizzati al mondo.

(Keystone)


Sono centinaia di migliaia le procedure in corso negli Stati Uniti contro Monsanto, ma la denuncia di Dewayne Johnson, un giardiniere americano di 46 anni che ha utilizzato il roundup durante un periodo di due anni, è la prima su questo prodotto ad approdare in tribunale, a San Francisco. 

Utilizzato da oltre 40 anni, il roundup è uno dei diserbanti più diffusi al mondo e contiene glifosato, una sostanza molto controversa oggetto di diversi studi scientifici contraddittori sui suoi effetti cancerogeni, aspetto che renderà particolarmente complesso il processo.

Dibattito planetario Pesticidi, è scontro sul loro impiego

Un male minore per gli uni, da vietare per gli altri. I pesticidi accendono il dibattito, sia in Europa sia nei Paesi in via di sviluppo.

Monsanto, che rischia di dover pagare milioni di dollari di risarcimento solo per questo caso, ha sempre negato che il glifosato possa provocare dei tumori. 

Secondo gli avvocati che difendono Johnson, invece, non c'è dubbio che il linfoma di cui è affetto il loro cliente sia dovuto al prodotto del gigante della farmaceutica, il quale avrebbe volontariamente nascosto gli effetti nefasti dell'erbicida. 

Pericolosità dibattuta

"Legalmente, è molto difficile dimostrare la colpevolezza di un'azienda nei casi specifici di cancro o altre malattie legate ai pesticidi", spiega Linda Wells, dell'Ong "Pesticide action network", che si batte per il divieto degli erbicidi.  "Ma se Johnson vincesse sarebbe un colpo molto duro a tutta l'industria agrochimica". 

Contrariamente all'agenzia federale statunitense per la protezione dell'ambiente, la Epa, la California ha inserito il glifosato nella lista dei prodotti cancerogeni. Il Centro internazionale della ricerca sul cancro, parte dell'Organizzazione mondiale della sanità, invece, l'ha classificato come "probabilmente cancerogeno".

L'Autorità europea per la sicurezza alimentare e l'Agenzia europea dei prodotti chimici sono invece giunte alla conclusione che le conoscenze scientifiche non sono sufficienti per una simile classificazione.

Analogamente a quanto accade negli Stati Uniti, il governo elvetico ha rinunciato a vietare il glifosato ma a livello cantonale c'è chi si muove nella direzione opposta, come il canton Vaud, che ha annunciato di voler rinunciare completamente ad utilizzarlo al più tardi entro il 2022. I dettagli nel servizio della Radiotelevisione svizzera. 

(1)

Servizio TG

tvsvizzera.it/Zz/afp con RSI (TG del 09.07.2018)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box