Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Franco forte Turismo in Svizzera sempre in affanno, ma...

prova

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mentre la promozione turistica elvetica festeggia il suo centesimo anniversario, gli operatori del settore continuano a dover fare i conti con il franco forte. Nel 2016 i pernottamenti di stranieri nella Confederazione sono stati 19,3 milioni, in calo dell’1,5% rispetto al 2015. È una diminuzione meno marcata rispetto agli scorsi anni, ma sono sempre necessarie idee innovative per attirare persone da ogni parte del mondo.

Un calo totale dello 0,3 % dei pernottamenti è stato registrato lo scorso anno nel settore alberghiero elvetico (-1,5% per i turisti stranieri, +1,2% per i turisti indigeni).

Dopo diversi anni di forte crescita, sono i visitatori provenienti dal continente asiatico ad essere particolarmente diminuiti, con un calo totale di 160'000 pernottamenti (-3,4%), ha indicato l’Ufficio federale di statistica Link esternomartedì.

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La più forte riduzione è stata quella dei turisti cinesi (-248'000 pernottamenti) e giapponesi (- 34'000). Una perdita solo in parte compensata dalle persone provenienti dai paesi del Golfo (+30'000) e dalla Corea del Sud (+20'000).

Dare sfogo alla creatività

Se si vogliono riempire i letti degli alberghi, bisogna essere creativi. Un esempio è quello di Leysin, nel canton Vaud, che cerca il giusto equilibrio tra kitsch e romanticismo per attirare in modo particolare una clientela cinese, permettendo alle coppie di sposarsi in una "chiesa-igloo".

cinesi

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In calo dal 2009, il 2016 non fa eccezione per la clientela europea, i cui pernottamenti sono diminuiti dell’1,5% ( - 172'000). La riduzione è tuttavia meno accentuata che gli anni precedenti. 

(2)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

×