Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Karin Keller-Sutter eletta nel governo svizzero Una lavoratrice diligente accede alla stanza dei bottoni

Ritratto di donna

Stavolta è andata: Karin Keller-Sutter è la nona consigliera federale svizzera.

(Keystone)

Karin Keller-Sutter è la nona donna a essere eletta in Consiglio federale in Svizzera. È diligente, modesta e ha perseguito i suoi obiettivi politici con la stessa tenacia con cui ha costruito la sua carriera. Un ritratto.

Il cammino per raggiungere l'incarico più prestigioso che la Svizzera possa conferire è stato più lungo del previsto. "Sarò felice quando il giorno della decisione sarà giunto al termine. A un certo punto sei stanca e felice quando sai dove ti trovi", ha detto Karin Keller-Sutter la sera prima delle elezioni. La sua ambizione è nota da tempo. Karin Keller-Sutter è stata candidata al Consiglio federale già nel 2010. Allora le era stato preferito il ministro dell'economia Johann Schneider-Ammann, ora dimissionario.

Sono tre i motivi per cui questa volta le cose per la 54enne del canton San Gallo sono andate per il verso giusto:

1°: Karin Keller-Sutter ha saputo gestire un perfetto cambio d'immagine, che l'ha resa accettabile per tutti i partiti. Quando sedeva nel governo del canton San Gallo, era conosciuta in tutta la Svizzera come esperta in materia di asilo. In qualità di membro del Consiglio degli Stati (camera alta), si è concentrata principalmente sulla politica economica e sociale. 

2°: La candidata soddisfaceva tutti i criteri richiesti: donna, proveniente dalla Svizzera orientale, con esperienza in un organo esecutivo e con un ampio network. Negli ultimi sette anni trascorsi nel Consiglio degli Stati, Karin Keller-Sutter ha ampliato la sua rete di relazioni e si è guadagnata la reputazione di politica capace di trovare soluzioni consensuali.

3°: Karin Keller-Sutter ha anche un certo non so che, una miscela di concretezza, intelligenza ed efficienza. La rappresentante di lungo corso del Partito liberale radicale (PLR) ha consolidato le sue convinzioni liberali. Le comunica in modo chiaro, ma senza alzare la voce e senza apparire invadente. Questo la rende comprensibile e non irritante – aperta, facile al contatto e nello stesso tempo affidabile.

Il ritratto di Karin Keller-Sutter

ritratto KKS

Finora si è parlato poco della grande diligenza della donna di Wil, nel canton San Gallo. Durante il suo mandato nel governo cantonale, ha dato a un giornalista il suo numero di telefono privato rassicurandolo: "Può chiamarmi oggi dopo il lavoro, io lavoro fino alle 23.00 comunque".

All'epoca dovette rilevare il Dipartimento di giustizia e polizia - non era il dipartimento a cui aspirava, sottolinea oggi. Ma ha fatto il suo lavoro fino in fondo. È stata la prima direttrice della giustizia in Svizzera a segnalare chiaramente le debolezze del sistema di asilo, consapevole che questo avrebbe segnato la sua immagine. Non l'ha cercato, ma ha accettato di farsene carico. "All'epoca era importante adottare misure contro la criminalità. Non è senza una certa soddisfazione che mi rendo conto che il lavoro che abbiamo fatto è oggi riconosciuto", ha detto Keller-Sutter stamattina alla radio pubblica SRF.

smartspider keller sutter

Il posizionamento politico di Karin Keller-Sutter secondo il suo profilo smartvote.

(smartvote.ch / sotomo.ch)

"Non voglio essere solo una donna"

"Come il mio cane, non mi lascio mettere la museruola!". È quel che c'era scritto sul suo primo manifesto elettorale, secondo il quotidiano Neue Zürcher Zeitung. Keller-Sutter è stata eletta nel consiglio comunale di Wil nel 1992, all'età di 28 anni. Nel 2000, a 36 anni, è entrata nel governo di San Gallo. Nel 2011 gli elettori di San Gallo l'hanno inviata a Berna per far parte del Consiglio degli Stati. È da tempo una politica purosangue, è determinata, informata e impegnata e si guadagna il rispetto anche della Berna politica.

"Non voglio essere solo una donna", ha detto di recente alla radio SRF parlando del suo ruolo futuro. Interprete di formazione, ha già rivelato nella discussione sulla riforma pensionistica una forte volontà creativa che, insieme a una certa tenacia, l'ha aiutata a ottenere successi anche in seno al Consiglio degli Stati.

Arricchimento per il Consiglio federale

Dalla sua formazione di interprete Karin Keller-Sutter ha tuttavia derivato una notevole modestia, sorprendente per una politica professionista. Gli interpreti sono fornitori di servizi. Danno il loro meglio quando la loro persona scompare dietro la loro attività. È questo un elemento che Karin Keller-Sutter può portare in Consiglio federale, insieme alla sua capacità comunicativa.

intervista KKS

Elezioni al Consiglio federale 2018 Viola Amherd in governo grazie alla sua esperienza

Il seggio popolare democratico in Consiglio federale va a Viola Amherd. La vallesana ha convinto il Parlamento al primo turno di elezione.

Questo contenuto è stato pubblicato il 5 dicembre 2018 9.39

Parole chiave

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box