Banche svizzere: dalla crisi verso nuove sfide

Crisi finanziaria, lotta internazionale all'evasione fiscale, scandali, procedure giudiziarie, multe miliardarie, fuga di dati, soppressione di impieghi: le banche svizzere attraversano la più grande crisi della loro storia. Con nuove norme, accordi fiscali e adeguamenti agli standard internazionali, il governo vuole assicurare il futuro della piazza finanziaria. È in corso un grande processo di ristrutturazione, che segnerà forse la fine del segreto bancario.

Ultimi sviluppi
Vertenze in Europa
Secondo il ministro delle finanze Ueli Maurer, la piazza finanziaria svizzera potrà rimanere competitiva anche senza il segreto bancario, grazie ad alte competenze nella gestione patrimoniale e alla qualità dei suoi servizi.
Fondata nel 1873, la BSI è destinata a scomparire.
Mentre il contenzioso sui fondi depositati dai contribuenti italiani nelle banche svizzere si avvicina ad una soluzione, appare ancora lontana un'intesa per la vertenza sull'imposizione dei frontalieri nel Canton Ticino.
Mostrare di più
Dossier USA
L'ombra dei subprime continua a oscurare le grandi banche.
Lo Swiss Bank Program è una componente centrale della caccia agli evasori fiscali negli Stati Uniti, ha sottolineato la ministra di giustizia americana, Loretta Lynch.
Suzi LeVine accolta a inizio gennaio dalla presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga.
Mostrare di più
Nuove strategie e ristrutturazioni
Die drei grossen Banken UBS, Credit Suisse und Raiffeisen haben nicht auf die schriftlich geführte Umfrage der ASO über Kontoführungs-Bedingungen für Auslandschweizer reagiert.
Paradeplatz di Zurigo, il cuore della finanza elvetica.
Le cose sembrano andare meglio per le due banche con sede a Zurigo.
Mostrare di più