Disparità salariale tra sessi Le donne continuano a guadagnare meno




Alla vigilia della Giornata internazionale della donna, la disparità salariale tra i sessi in Svizzera rimane "scandalosa". La denuncia è della federazione sindacale Travail.Suisse. 

Le donne con meno di 30 anni, senza funzione di quadro e che lavorano in aziende con meno di 20 impiegati, sono le più toccate dal fenomeno, ricorda Travail.Suisse, commentando i dati diffusi oggi dall'Ufficio federale di statistica. "Queste piccole e medie imprese (PMI) con meno di 20 addetti rappresentano il 95% delle aziende e occupano il 36% degli impiegati in Svizzera".
Ogni mese, le donne ricevono alcune centinaia di franchi in meno rispetto ai loro colleghi. E ogni anno, "l'impatto economico globale della discriminazione ammonta a 7,7 miliardi". A lungo termine, infine, le donne discriminate per tutta la loro vita saranno di nuovo penalizzate al momento della pensione, deplora Travail.Suisse.


I dati sono del 2014

Da parte sua, l'Unione sindacale svizzera sottolinea l'evoluzione "scoraggiante" nel settore pubblico: "qui lo scarto salariale tra donne e uomini è stagnante (16,6% nel 2014 contro 16,5% nel 2012) e la parte inspiegabile di questa differenza è persino aumentata, dal 38,8% al 41,7%".

Gli impiegati del settore pubblico devono mettere in atto "senza tergiversare" la Carta per la parità salariale che hanno firmato in settembre, esorta l'USS. "Il Parlamento e il Consiglio federale devono inasprire la Legge federale sulla parità dei sessi, le imprese devono controllare regolarmente i salari, con l'aiuto dei sindacati, nonché creare un'autorità che gestisca tali controlli per scovare le pecore nere e per sanzionarle in modo da spronarle a prendersi le loro responsabilità".


I dati non tengono in considerazione la differenza tra settore privato e pubblico.

Poche donne ai vertici delle aziende

Le donne occupano soltanto il 18,9% delle cariche ai piani alti delle piccole e medie imprese (PMI) svizzere. Si tratta in ogni caso di una quota in leggero aumento rispetto al 16,7% rilevato due anni fa.

La parità fra i sessi all'interno di direzioni e consigli d'amministrazione è ancora lontana dall'essere raggiunta. Tuttavia, il numero di aziende guidate esclusivamente da uomini è in diminuzione, essendo sceso dal 41% del 2015 al 35% attuale. In questo campo, si possono notare disparità regionali. La percentuale di imprese comandate unicamente da dirigenti di sesso maschile sono infatti il 38% in Svizzera tedesca e il 27% in Romandia.

Per quanto riguarda la parità uomo-donna ai vertici aziendali, la Svizzera rischia di rimanere in ritardo rispetto ad altri paesi dell'Europa occidentale, avverte un rapporto.



Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.




×