Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Trattato di Maastricht 25 anni fa nasceva l'Unione europea

Il 7 febbraio 1992 veniva firmata nella cittadina olandese di Maastricht il trattato sull'Unione europea che avviava l'integrazione politica. Un'Europa che oggi è più traballante che mai, scossa da crisi e movimenti populisti che spingono verso la disgregazione dell'Unione stessa.

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I 12 paesi della Comunità europea si trovarono in Olanda per firmare quel trattato che fissava le regole politiche e i parametri economici e sociali necessari per l'ingresso dei vari Stati nell'Unione. Il trattato entrò in vigore il primo novembre 1993.

I paesi "fondatori": Italia, Spagna, Francia, Portogallo, Olanda, Lussemburgo, Belgio, Germania, Danimarca, Grecia

Il trattato di Maastricht si fonda su tre pilatri: la comunità europea, ovvero l'integrazione di CEE, (comunità economica euroepa) CECA (Comunità europea del carbone e dell'acciaio) e CEEA (Comunià europa dell'energia atomica). Il secondo pilastro instaura la Politica estera e di sicurezza comune, infine il terzo pilastro riguarda la cooperazione nei settori della giustizia e degli affari interni.

Il trattato ha poi messo le basi per l'unione monetaria (euro) e la nascita della Banca centrale europea.

Oggi, a distanza di 25 anni, la convinzione europeista dei paesi è decisamente meno pronunciata. E l'istituzione stessa sta soffrendo, non da ultimo per la prossima uscita del Regno Unito e la crescente influenza dei movimenti populisti - antieuropeisti - che stanno prendendo il potere politico in tanti paesi europei.

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

tvsvizzera.it/fra con RSI

×