Quando l'italiano diventa la lingua di tutti

In una babele di idiomi - se ne parlano almeno 11 nella nazionale svizzera di calcio presente in Brasile - per capirsi i giocatori parlano italiano

La Svizzera è anche questa: multietnica, multiculturale. 15 dei 23 selezionati dal tecnico tedesco, Ottmar Hitzfeld, hanno origini non elvetiche. C'è chi è nato all'estero ed è emigrato in Svizzera o chi pur essendo nato in Svizzera ha origini straniere. Guardando la provenienza dei diversi giocatori, si può dire che negli spogliatoi teoricamente si potrebbero parlare almeno 11 lingue (e non entriamo nel ginepraio chiedendoci se il serbo, il croato piuttosto che il bosniaco siamo lingue diverse o uguali). Una vera babele. Il caso vuole però che la lingua più parlata e capita sia l'italiano.

Italiano lingua franca

Il fatto che l'italiano - in perdita di velocità in Svizzera secondo i più - sia la lingua franca, non è però un caso. Tranquillo Barnetta e Diego Benaglio sono di origini italiane (anche se l'italiano lo parlano con difficoltà). Valon Behrami, Mario Gavranovic e in parte anche Admir Mehmedi sono cresciuti in Ticino. C'è poi tutta una serie di giocatori che hanno avuto o hanno esperienze nel massimo campionato italiano di calcio: Lichtsteiner (Lazio, Juventus) Seferovic (Fiorentina, Lecce, Novara), Von Bergen (Cesena, Palermo), Senderos (Milan), Inler (Udinese, Napoli), Dzemaili (Napoli), Fernades (Udinese), Ziegler (Sampdoria, Sassuolo)...

Anche lo staff tecnico parla italiano: l'allenatore Ottmar Hitzfeld ha trascorsi calcistici a Lugano. Il suo vice Michel Pont è stato allenatore del Lugano mentre l'allenatore dei portieri Patrick Foletti è un ticinese doc.

Paradossi

Tra i giocatori che non parlano l'italiano sono da annoverare soprattutto i giocatori svizzeri. Da Stocker a Lang, da Sommer a Bürki passando da Schär... o anche qualche giocatore che non ha né origini né un passato calcistico in Italia: Drmic, Xhaka, Shaqiri, Rodriguez e Djourou. Anche se questi ultimi parlando spagnolo e francese, l'italiano non sarà sicuramente una lingua incomprensibile.

Svizzera, il paese più "connesso"

Una bella panoramica sulle origini dei giocatori di calcio presenti ai mondiali la si può avere su un sito ingleseLink esterno che mette in connessione tutti i giocatori con le diverse nazioni.

L'opinione del linguista

Nel servizio abbiamo parlato di tutto questo e di altro ancora con il linguista Alessio Petralli.

×