Ma vie de courgette "Un film basato sulle emozioni"

Mancano meno di due settimane alla cerimonia di consegna degli Oscar, alla quale sarà presente anche la Svizzera, con il film d’animazione “La mia vita da Zucchina” (“Ma vie de Courgette”) del regista vallesano Claude Barras. La Radiotelevisione Svizzera ha voluto incontrarlo prima che partisse alla volta di Los Angeles.

“Ma vie de Courgette” è un film che si può definire “artigianale”, prodotto al ritmo di pochi secondi al giorno. Un piccolo gioiello in stop motion i cui personaggi hanno le voci spontanee di alcuni bambini della Svizzera francese. Una pellicola dunque lontana da ciò a cui Hollywood è abituata, ma che, ciononostante, è candidata come miglior film d’animazione nell'ambito dell'evento più glamour del mondo del cinema.  

“Sono molto orgoglioso di questa avventura che non è solo mia, ma di altre 200 persone, la metà delle quali sono donne. Una cosa abbastanza rara nell’ambiente cinematografico”, ha detto Barras alla Radiotelevisione svizzera, descrivendo "Ma Vie de courgette" come un lavoro “basato molto sulle emozioni”.

Courgette e suo "papà", il regista vallesano Claude Barras.

Courgette e suo "papà", il regista vallesano Claude Barras.

(Keystone)

“A volte ci sono mancati i soldi per il film, Allo stesso tempo, però, più hai soldi meno sei libero di fare il film che vuoi tu, e io preferisco avere la libertà”, ha aggiunto il regista.

Il Golden Globe, lo scorso gennaio, era sfuggito alla piccola Zucchina elvetica. La Hollywood Foreign Press Association gli ha infatti preferito Zootropolis. Riuscire a sollevare una statuetta il prossimo 26 febbraio sarà difficile per Barras, ma non impossibile. Dopotutto, nel mondo del cinema, è più che lecito sognare. 

tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 14.02.2017)

×