Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

albergo travolto dalla slavina Dieci sopravvissuti a Rigopiano, salvati i quattro bimbi

Le ricerche dei dispersi dopo la slavina all'hotel Rigopiano di Farindola, nel cuore del Gran Sasso, proseguono senza sosta. Oggi sono state salvate 5 persone, tra cui tutti e 4 i bambini e sono stati individuati altri 5 superstiti. Le operazioni di soccorso dureranno senza sosta tutta la notte. nessuna notizia della svizzera dispersa.

neve

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono state circa 43 ore sotto l'enorme massa di neve della valanga, i detriti e le macerie dell'albergo la donna e la bambina estratte poco dopo le 12.30 dalle macerie dell'hotel Rigopiano. Il primo allarme della valanga, infatti, era stato lanciato da Giampiero Parete alle 17.40 di mercoledì 18 gennaio. In pratica quasi due giorni.

Nel frattempo sono arrivate le prime ambulanze all'ospedale di Pescara con a bordo le prime persone estratte vive dall'hotel.

Da questa mattina due elicotteri, uno della guardia costiera con a bordo personale del 118, e uno dei vigili del fuoco stanno sorvolando la zona dell'hotel in attesa che da terra diano indicazioni per far scendere i medici e dare soccorso ai sei superstiti. È probabile che i sopravvissuti, dopo la primissima assistenza, siano trasferiti in ospedale con gli stessi elicotteri.

Le ricerche continuano ora con maggiori speranze anche se con una buona dosa di realismo. "In teoria anche in queste condizioni meteo molto difficili, se si sono create delle 'sacche' di aria dove ripararsi nell'albergo spazzato via, potrebbero sopravvivere 2 forse 3 giorni, ma è difficile, ha detto Walter Milan del Soccorso alpino nazionale italiano.

Oggi si è iniziato ad usare anche mezzi meccanici per scavare, supportati dai vigili del fuoco, ma sempre con attenzione alle persone sepolte là sotto.

La difficoltà nel fare previsioni è data dal caso eccezionale di una valanga con una così grande quantità di detriti, essendosi combinata con un terremoto. Per i soccorritori c'è il rischio di nuove valanghe. La strada è pericolosa e potrebbero staccarsi anche micro-slavine. Il soccorso alpino oggi è al lavoro con 50 uomini e le unità cinofile.



tvsvizzera.it/fra con RSI (TG del 20.01.2017)

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×