Accordo di libero scambio Ue-Canada Ceta, Strasburgo accetta il trattato commerciale


Una prima, tangibile, risposta a Trump, in nome della battaglia al protezionismo, o un attentato agli standard sociali ed ambientali europei: anche questo rappresenta ormai il Ceta, il trattato commerciale Ue-Canada, accettato del Parlamento Ue a Strasburgo.

"Ci dicono che bisogna sostenere il Ceta perché c'è Trump, prima dicevano che bisognava farlo perché c'era Obama", ribatte la socialista belga Maria Arena. "Trump o Obama, poco cambia: per gli ultraliberali bisogna sostenere questi tipo di accordi, noi non votiamo contro il Ceta non perché siamo dei protezionisti ma perché difendiamo i nostri valori ambientali e sociali".

Contrari, oltre alla fetta di socialisti, anche verdi e comunisti da un lato ed euroscettici ed eurofobici dall'altro. E alla finestra il premier canadase Justin Trudeau, che arriverà a Strasburgo, domani, giovedì.


Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.


tvsvizzera.it/fra con RSI

×