Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Ambiente Svizzera, continua la lotta ai sacchetti di plastica

È bastata l'introduzione di una tassa di 5 centesimi nei negozi di Coop e Migros per ridurre drasticamente la domanda di sacchetti di plastica nei negozi di Coop e Migros. Ora, i due giganti del commercio al dettaglio intendono introdurre una misura simile anche nei loro negozi specializzati.

(1)

Servizio TG

Niente più sacchetti di plastica gratis presso Migros e Coop: i due giganti del commercio al dettaglio dall'anno prossimo estendono ai negozi specializzati dei rispettivi gruppi l'obbligo di pagare un obolo che, a seconda della grandezza del sacchetto, dovrebbe essere fra 5 e 50 centesimi.

Queste misure si basano sulla decisione presa dal ramo del commercio al dettaglio di estendere l'attuale accordo di settore, in vigore dal 2016 e relativo ai sacchetti di plastica usa e getta, anche a quelli riutilizzabili. Da Coop e Migros la misura entra in vigore del primo di gennaio, per le altre imprese dell'accordo settoriale sarà attuata entro il 31 dicembre del 2020.

La fornitura gratuita sarà comunque possibile laddove i sacchetti di plastica sono necessari per motivi igienici o sono utilizzati come imballaggio primario nelle vendite di prodotti non confezionati (ad esempio per frutta e verdura).

Persona con sacchetti di plastica in supermercato

Dall'introduzione della tassa Coop riesce a fare a meno ogni anno di 850 tonnellate di plastica nuova.

(© Keystone / Gaetan Bally)

La tassa sui sacchetti monouso in plastica alle casse dei supermercati ha portato a una forte riduzione del loro utilizzo, affermano Migros e Coop in due comunicati odierni distinti. Il calo è stato rispettivamente dell'85% e dell'83%. Coop riesce così ad esempio a fare a meno ogni anno di 850 tonnellate di plastica nuova.

Ora lo stesso approccio sarà adottato dai negozi specializzati dei due grandi dettaglianti. Per Migros questo varrà nei punti vendita SportXX, Melectronics, Do It + Garden, Micasa, Ex Libris e Digitec Galaxus, come pure nei take away. Presso Coop l'iniziativa interessa Coop Edile+Hobby, Coop City, Interdiscount, Fust, Coop Vitality e Import Parfumerie.

Dal canto loro, la Swiss Retail Federation (dettaglianti di taglia media) e la Comunità d'interessi commercio al dettaglio Svizzera, che riuniscono circa 30 aziende, dal 2016 al 2018 hanno registrato un calo dell'86% del consumo di sacchetti, pari a 361'212'000 unità.

L'annuncio sulla fine dei sacchetti di plastica gratuiti arriva lo stesso giorno in cui l'organizzazione ambientalista Greenpeace ha pubblicato i risultati di una campagna di raccolta globale dei rifiuti in plastica effettuata lo scorso 21 settembre. In totale per l'"International Coastal Cleanup" oltre 70'000 volontari hanno compiuto contemporaneamente 484 operazioni in 52 paesi.

Il 43% dei 476'423 imballaggi monouso e rifiuti plastici recuperati apparteneva a Coca-Cola o a Nestlé. Come l'anno scorso nelle tre prime posizioni figurano Coca-Cola, Nestlé e Pepsico. Nella lista nera seguono Mondelez International, Unilever, Mars, P&G, Colgate-Palmolive, Phillip Morris e Perfetti Van Melle.

I volontari di Greenpeace Svizzera si sono piazzati sulle rive del Lago Lemano, a Vevey (canton Vaud), a fianco del quartier generale di Nestlé. Malgrado la passeggiata della zona sia ripulita quotidianamente, i volontari hanno raccolto 1124 oggetti di plastica in sole due ore (in media quasi 10 al minuto). In questo caso Nestlé è risultato il secondo inquinatore, con Coop al comando e Coca-Cola al terzo posto. Sono poi stati trovate molti oggetti provenienti dai principali rivenditori della grande distribuzione come Migros, Denner o Lidl.

tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (Quotidiano del 23.10.2019)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box