Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

#Swisshistorypics Rob Gnant: il 'van Gogh' della fotografia svizzera

Il mese scorso è scomparso il fotografo svizzero Rob Gnant, lasciando dietro di sé più di 200’000 negative. Era noto per la sua capacità di combinare importanti temi sociali con una forte estetica visiva.

Per i suoi lavori costituiti principalmente da ritratti e reportage, Rob Gnant viene considerato dei più importanti fotografi del Dopoguerra in Svizzera. Si interessava anche di film documentari e aveva lavorato come cameraman durante le riprese del film "À fleur d'eauLink esterno", vincitore nel 1963 del premio del Festival di Cannes nella categoria cortometraggi.

Rob Gnant fotografava spesso in bianco e nero. La sua esperienza nel mondo del cinema ha influenzato la sua tecnica fotografica: dalle sue immagini emerge una sensazione di movimento. Il suo approccio stilistico ai temi sociali gli è valso il soprannome di "Van Gogh della fotografia svizzera".

Ha cercato di catturare lo straordinario e la bellezza nelle scene quotidiane, concentrandosi su ambienti di lavoratori o emarginati. Rob Gnant era interessato ai grandi temi della sua epoca, come il contrasto tra aree urbane e rurali, l'urbanizzazione della Svizzera e l'innovazione del Dopoguerra.

In un'intervistaLink esterno concessa nel 2015 al giornale Tages-Anzeiger, Rob Gnant ha detto: "Con me, le persone erano al corrente che le stavo fotografando. Non ero un cecchino".

Parole chiave

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box