Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

"La natura ti rivuole" La Svizzera punta sul turismo sperimentale

Dopo un’estate 2016 durante la quale meno turisti sono arrivati nella Confederazione, con il motto "La natura ti rivuole", Svizzera turismo ha lanciato giovedì la sua campagna estiva: investimenti per 45,5 milioni di franchi nuove piattaforme online e 700 offerte per scoprire l'essenza e l'autenticità delle diverse regioni.

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'interesse nei confronti di un "turismo sperimentale" costituisce un'opportunità per far conoscere in tutto il mondo le realtà regionali della Svizzera. Quella di incontrare specialisti che detengono un sapere tradizionale o che consentono di scoprire una regione attraverso attività mirate è una tendenza turistica che si sta diffondendo in tutto il mondo, sottolinea Jürg Schmid, direttore di Svizzera Turismo, citato in una nota.

Per questo motivo Svizzera Turismo ha creato una nuova piattaforma internet "My Swiss ExperienceLink esterno", che riunisce oltre 700 proposte di esperienze di vita in tutti gli angoli del paese. Diverse le categorie: avventura, natura, vita urbana, cultura, attività sportive, gastronomia, relax e formazione.

Circa 130 proposte riguardano ad esempio l'osservazione di animali selvatici in compagnia di guide specializzate, mentre 220 offerte concernono rifugi alpini a disposizione per eventi speciali. Anche quest'anno verrà riproposta l'azione "Grand Tour of Switzerland", un giro completo del paese lungo 1600 km percorribile, da quest'estate, a bordo di veicoli elettrici.

L'intera campagna costerà 45,5 milioni di franchi, ovvero 11,5 milioni in meno di quella dello scorso anno, che comprendeva però anche i costi della campagna destinata a promuovere le città elvetiche. A livello mondiale verranno distribuiti 11 milioni di opuscoli pubblicitari e si tenterà di potenziare l'efficacia del sito internet.

La speranza è che le nuove offerte risultino accattivanti e attirino un buon numero di turisti: la scorsa estate si era infatti assistito a un leggero calo, soprattutto delle persone provenienti dalla Cina. La flessione, secondo Svizzera Turismo, si spiega con l'introduzione del visto biometrico per l'area Schengen e per un certo timore suscitato dagli attentati terroristici in Europa.

tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 20.04.2017)

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×